Le confetture e marmellate artigianali sono gustose e autentiche, come i sapori di una volta. Si tratta di preparazioni a base di frutta fresca e di zucchero, che possono essere utilizzate per farcire i dolci oppure per colazione, spalmate sul pane o sulle fette biscottate. Grazie a pochi e semplici accorgimenti, è possibile ottenere dei risultati davvero incredibili, non solo per il livello di qualità, ma anche per la soddisfazione del palato!

Qualità e principali utilizzi

I prodotti artigianali sono realizzati con la massima cura, senza l’utilizzo di additivi alimentari. In ciascuna produzione la base di partenza è la raccolta della frutta fresca, colta al giusto grado di maturazione e lavorata attraverso processi di cottura a basse temperature. In tal modo è possibile lasciare intatte le proprietà organolettiche della frutta, mantenerne inalterato il colore e non far caramellare lo zucchero.

Le diverse confetture artigianali hanno una grande versatilità, rivelandosi perfette per la preparazione di torte e muffin, ma anche  per guarnire crèpes e pancakes. Molti sono anche gli abbinamenti possibili, in base alle diverse preparazioni: ad esempio, alcune confetture sono davvero golose se abbinate alla ricotta, oppure agli amaretti sbriciolati, alle scaglie di cioccolato fondente o ancora alla granella di mandorle tostate.

Confetture e marmellate artigianali: dove acquistarle

Se si desidera assaporare confetture e marmellate artigianali di qualità, è possibile recarsi presso le sedi delle aziende agricole italiane specializzate nella produzione di prodotti artigianali oppure fare un giro presso i mercatini che vengono organizzati in occasioni di fiere o di eventi particolari. Inoltre, sempre più numerosi sono i portali online che consentono di visionare le varie proposte di marmellate e confetture artigianali, che possono così essere acquistate comodamente da casa con pochi click.

Differenza tra marmellata e confettura

Con il termine marmellata si dovrebbe indicare solo quella di agrumi, mentre le altre (come ad esempio quella di fragole, albicocche, ciliegie, more, ecc.) andrebbero chiamate confetture. Nel linguaggio quotidiano tuttavia si fa confusione tra i due termini, ma è addirittura una direttiva europea a sancirne la differenza: si stabilisce, infatti che “la marmellata è una preparazione a base di zucchero e agrumi con un contenuto di frutta minimo del 20% e che può contenere tutte le parti del frutto”, mentre “la confettura è una preparazione a base di zucchero e polpa o purea di tutti gli altri frutti e deve contenere un minimo del 35% di frutta”.

Preparazione in casa

Se si desiderano realizzare confetture e marmellate homemade è possibile fare riferimento a una ricetta piuttosto semplice. In primo luogo è necessario scegliere della frutta di stagione, facendo attenzione che sia matura al punto giusto; a tal proposito bisogna tener presente che un frutto ancora acerbo può risultare poco saporito, mentre uno troppo maturo potrebbe essere povero di pectina – il gelificante naturale contenuto nella frutta – e di conseguenza creare problemi di addensamento.

In seguito bisogna lavare accuratamente la frutta, ricordandosi di non eliminare la buccia. Quindi deve essere tagliata in pezzi piccoli aggiungendovi una quantità di zucchero variabile in base al grado di dolcezza che si intende ottenere (ad esempio per un chilo di frutta è possibile usare da 400 a 1000 grammi di zucchero). Dopo aver inserito il tutto all’interno di una casseruola si procede con la cottura a fuoco moderato, fino a far evaporare l’acqua e ad addensare gli zuccheri; in genere sono necessarie circa 2 ore di tempo per ottenere la giusta consistenza.

Se non hai intenzione di provare la ricetta casalinga, puoi optare per l’acquisto: scopri le nostre confetture e marmellate artigianali e vedrai che, una volta provate, non potrai più farne a meno!