Lo sapete che circa il 10% della popolazione soffre di un qualche tipo di intolleranza e che questo fenomeno negli ultimi anni è cresciuto in modo esponenziale? Le intolleranze alimentari più diffuse sono quelle al glutine, alle uova e al lattosio. Chi scopre di essere intollerante a un alimento vede inizialmente sconvolta la propria routine quotidiana perché messo di fronte ad una limitazione nel consumo di prodotti in commercio nella grande distribuzione che potrebbero contenere l’alimento o gli alimenti causa delle intolleranze.

 

VI PRESENTO STEFANIA…

 

E’ così che abbiamo conosciuto la signora Stefania, poco tempo dopo la sua scoperta di essere intollerante al latte e alle uova… Stefania è una simpatica signora che, già della prime parole e dal primo sorriso, sembrava esprimere gioia, entusiasmo e fiducia nella vita. Nel caso di Stefania, l’intolleranza al lattosio, uno zucchero presente nel latte e nei latticini, le rendeva difficile assorbire e digerire il latte creandole diversi disturbi intestinali. L’intolleranza alle uova invece era un’intolleranza fondamentalmente all’albumina contenuta appunto nell’albume dell’uovo. Peccato che la maggior parte dei prodotti della grande distribuzione (maionese, pasta all’uovo, biscotti, ravioli, torte, gelati, budini, creme industriali) contiene latte e/o uova. Stefania, una donna attiva, gran lavoratrice, abituata ad accudire figli, nipoti e pelosetti domestici non si era persa d’animo e, dopo la diagnosi, aveva iniziato ad organizzare i pasti di tutta la famiglia escludendo latte, latticini, formaggi freschi, burro e uova… la sua più grande difficoltà riguardava però la gestione della sua colazione perché amava il momento del risveglio, con i biscotti inzuppati nel latte e, anche sostituendo il latte con il the o latte vegetale, era troppo impegnata nell’accudimento della sua grande famiglia per trovare il tempo di preparare per sé dei biscotti senza latte e senza uova.

 

I BISCOTTI SENZA NULLA…

 

Un giorno l’abbiamo vista arrivare ad una fiera in paese, curiosa di assaggiare i nostri biscotti “senza nulla”, come li chiamava lei. Con senza nulla Stefania intendeva appunto biscotti senza latte e senza uova… due alimenti dalla cui esclusione le sembrava di non poter ottenere nessun biscotto gustoso. Le abbiamo spiegato che nel nostro laboratorio produciamo un vasto assortimento di dolci adatti alle più diffuse intolleranze: solo dopo aver studiato a lungo e trovato le giuste dosi per ottenere biscotti dalla classica consistenza non contenenti uova, latte o entrambi, erano entrati in produzione nel nostro labotatorio biscotti senza uova, biscotti senza latte e altre tipologie di dolci senza uova. Quella volta abbiamo fatto assaggiare a Stefania l’assortimento dei nostri prodotti senza latte e senza uova… ad ogni assaggio i suoi occhi si illuminavano di gioia crescente, che esprimevano tutto l’apprezzamento per i nostri prodotti. Così Stefania è diventata una nostra cliente abituale oltre che un’amica… all’incirca ogni 7/10 giorni ci chiamava per prenotare il suo ordine di biscotti “senza niente”. Adesso, a distanza di diversi mesi, abbinando i nostri biscotti con una sana alimentazione giornaliera, Stefania ha risolto i suoi disturbi intestinali e gonfiori addominali. La sua soddisfazione e il suo benessere per noi sono la ricompensa più grande! Se anche voi avete delle intolleranze, visitate il nostro shop, in particolare la sezione dolci senza latte e senza uova.